About Me

Le mie foto
Debora M

Sono Debora, ma anche Dedè o Nasreen. Ho troppi anni e sono un incrocio maledettamente mal riuscito di sangue toscano e laziale, il che mi rende, se possibile, ancora più assurda di quanto sia possibile supporre.
Studio [dovrei] Giurisprudenza a Roma, ma in realtà sono una lettrice ossessiva compulsiva e imbrattatrice di carte.

Caporedattrice di SognandoLeggendo.net
Recensore presso Scrittevolmente e Urban Fantasy 

Ha collaborato con Quarto Potere, rivista di cinema e cultura online
Ha collaborato con Oggicronaca.it

Visualizza il mio profilo completo

sabato 25 agosto 2012

Caro Monti. Sclero (lungo) di un'italiana qualunque


Caro Professor Monti,

le dispiace se non la chiamo Presidente? Ebbene, anche se le dispiacesse non potrei farci nulla, non me la sento di chiama “Presidente” qualcuno che non mi rappresenta, qualcuno che ha perso quel briciolo di stima che provavo nei suoi confronti.

Sa, Professore, sono stata una delle povere illuse che ha creduto nel cambiamento, una delle sciocche che ha sperato in un colpo di rinnovamento che avrebbe portato a quella fantomatica pagina bianca che stiamo aspettando da anni. Ho sperato che fosse qualcosa di diverso dal solito politicante che si riempie di belle parole la bocca e le tasche con il nostro futuro. Ci ho creduto e ho sostenuto che un professore con la sua esperienza e la sua conoscenza dell’economica – nonché della politica internazionale – avrebbe potuto darci quel poco di tempo di cui avevamo bisogno per prendere una boccata d’aria e non morire asfissiati dalle pressioni internazionali.

Non le mentirò, non sono una di voi quindi può credermi sulla parola,  non ho creduto nemmeno per un istante che avrebbe potuto fare qualcosa di concreto, ho puntato tutto sulla sua immagine che avrebbe rassicurato quei quattro Grandi Capi esteri che avevano deciso di sfruttarci come… monito? Capo espiatorio?  Dio solo lo sa, ma di fatto ho creduto che tutto quello che avrei ottenuto dalla sua presidenza come Capo del Governo tecnico Italiano fosse un po’ di sacro tempo. E qualche riforma strutturale istituzionale, visto che c’eravamo, visto che non doveva rendere conto di nessuna maggioranza, corpo elettorale o accordo sottobanco.

Invece è stato un fallimento, come uomo e come politico. Che tristezza.
Il tempo che avevo agognato non c’è, anzi se possibile avete stretto ancora una volta la corda che abbiamo intorno al collo e sparato un altro colpo a quel treppiedi che è la nostra economica, l’unica cosa a cui ci stiamo appoggiando, in punta di piedi, pur di non finire impiccati con questa fune di debiti che avete contratto, sì tutti voi, per 50 anni. Il treppiedi è ancora più malconcio di prima e noi ancora più in apnea, bel lavoro. Complimenti. Se non fossi la persona civile che sono mi limiterei a mettervi in fila contro un muro e a sputarvi, ma sono una persona civile – anche se sadica – e mi limito a sopravvivere e ad aspettare che la bomba ad orologeria che avete innescato, che io chiamo Società, vi esploda in faccia. Ci scapperà qualche morto e molta disperazione ma, se è vero che esiste un Dio, in questa vita o nell’altra, mi godrò lo spettacolo di vedervi in ginocchio.

Tornando a toni più miti e civili, vorrei puntare la sua attenzione sul particolare che ha innescato la mia rabbia. La frase infelice che ha vanificato tutti gli sforzi che stiamo facendo, giorno dopo giorno, per ingoiare le vostre buffonate, le vostre false promesse e tutto il resto del denigrante teatrino che avete messo in piedi travestendovi da “Salvatori”, quando invece state, ancora una volta, salvando solo i vostri interessi. E di culi. Dopotutto se lo dicono in televisione perché non dovrei dirlo io?

Lei dice che “il posto fisso è monotono”, che “i giovani dovrebbero rassegnarsi che non esiste più il posto fisso”, “è bello cambiare…” e tante belle parole che sono fatte solamente per innescare una rivolta. Dette da una persona ignorante magari potrei scusarle, scrollare le spalle e andare avanti, ma dette da una persona del suo calibro mi vien voglia solamente di farle male. Tanto. E che non si sorprenda se oggi o un domani qualcuno le farà saltare la sedia -  il SUO posto fisso -, possibilmente con lei sopra. A quel punto non potrà certo dire di non aver apprezzato il “cambiamento”.

Le sue frasi sono state leggere, offensive, ignoranti, denigranti e frivole al limite dell’idiozia. E, mi creda nuovamente, glielo dico con tutto il cuore.
Il paese che è stato chiamato a governare sta affrontando una crisi economica quasi senza precedenti, i giovani fuggono in massa fuori da questa Italia ormai ridotta ad uno scarpone privo di suola, la gente è povera, le mamme vanno alla Caritas per fare la spesa, i giovani/adulti sono senza lavoro e lei si mette a dire certe idiozie? Ma stiamo scherzando?

Mi ero illusa che sapesse qualcosa del mondo ma, come al solito, ci troviamo davanti un accademico che non è mai andato a fare un briciolo di spesa al mercato, che non sa che significa pagare le bollette, che non ha idea di cosa significhi fa quadrare i conti e cosa vuol dire andare in farmacia. Sa cosa vuol dire? Scegliere se pagare le medicine o fare la spesa del giorno, quando si è fortunati perché di questi tempi c’è chi non ce l’ha neanche questa fantomatica scelta.

Vuole sapere cosa è noioso? Voi, tutti voi, siete noiosi. È noioso sentirci ripetere da mesi che dobbiamo fare sacrifici, stringere la cinghia ed ascoltare con un sorriso di ironica rassegnazione le false promesse di tagli istituzionali “seri” che non arriveranno mai. È noioso sentirci dare dei bamboccioni e fanulloni da chi gioca con l’Ipad o si legge riviste online pornografiche mentre invece dovrebbe governare un paese alla deriva. È noioso, denigrante, demotivante doversi alzare ogni mattina – con caldo, pioggia, neve, gelo – e andare a guadagnarsi una pagnotta che per ¾ verrà fagocitata dalle casse di uno Stato che mi fa portare le stufette da casa per avere un po’ di caldo in ospedale, che fa dormire una mamma su una sedia tutte le notti che passa ad accudire il proprio bambino, che ti rimanda a casa gli anziani perché non hanno posti letto e ti dicono “Se siamo fortunati passerà la notte”. Se siamo fortunati? Ma cosa siamo diventati? Topi da laboratorio?

E tagliamo sull’istruzione perché tanto a voi serve gente ignorante da poter comandare meglio, e tagliamo sui trasporti, tagliamo sulla ricerca e sviluppo, tagliamo sulle pensioni inesistenti di persone che VI HANNO MANTENUTO per tutta la loro vita con il sudore delle loro fronti e ai quali dovreste solo che portare rispetto. E tagliamo, tagliamo e tagliamo. E poi? Cosa dobbiamo sentire? Politici indignati perché gli andiamo a toccare i loro privilegi?

Ma cosa siete, voi, per aver diritto a questi privilegi? Chi siete? Chi vi credete di essere? Con quale coraggio venite qua, a pretendere, quando non siete niente più che alla stregua dei parassiti sociali che tanto osteggiate nelle “pubblicità progresso” contro gli evasori?  Cosa credete di fare in “più” di un operaio che cammina in equilibrio sulle impalcature ogni giorno della sua vita? Di un camionista che è su strada ogni notte? Di un pompiere che mette in gioco la sua vita per salvare quelle degli altri?
Solo perché avete studiato di più? DIN DON, notizia dell’ultima ora, non siete gli unici ad avere 30 anni di studio sulle spalle e se tutti gli studenti fossero destinati ad essere politici… Sarebbe una bella fregatura per voi, vero?

Mio caro Professore, mi chiedo, ma con quale coraggio esce di casa, assieme ai suoi illustrissimi colleghi, tutti senza distinzione di parte, e prende decisioni che sa perfettamente  andranno a distruggere altre famiglie, lavoratori, imprenditori, anziani e bambini?

Se il piatto fosse ormai irrimediabilmente vuoto sarebbe un dovere, di noi tutti, spaccarci la schiena per riempirlo ma, quando il piatto è in realtà solo bucato per far finire tutto ciò che ci accumuliamo nelle vostre tasche allora, mi spiace, ma sa dove può ficcarseli i suoi tanto doverosi “sacrifici”? Bene, visto che è una persona intelligente suppongo che avrà compreso senza troppi giri di parole.

Basterebbe una vera ed onesta riforma istituzionale e mandare a casa un terzo dei nullafacenti che si sono ancorati a quelle sedie, ma che cosa dico! Basterebbe rimuovere tutti i vostri maledetti privilegi per mandare avanti mezza Italia e lei, in tutta coscienza, ha coraggio di dire a noi – i vostri cittadini, quelli che avete preso l’impegno di guidare! – di fare altri sacrifici?

Voi che spendete e sperperate soldi per mandare le vostre domestiche a fare la spesa, voi che predicate e poi andate alle Maldive a fare vacanze che sono a NOSTRE spese, voi… Che siete così carichi e grassi di tutto il denaro che ci state rubando giorno dopo giorno che fate solamente venire voglia di impugnare le armi a dar fuoco a tutto Montecitorio e vedervi bruciare sulle poltrone che tanto egoisticamente stringete sotto di voi. Sì, bruciare, e possibilmente anche sentirvi urlare pietà se non è troppo disturbo.

Mi chiedo, ma non vi vergognate neanche un po’?
Lei mi parla di “voglia di cambiare”? E voi? Quando deciderete a togliervi dalle scatole e lascerete il posto alle nuove leve che, sono sicura, peggio di voi sicuramente non potranno fare neanche se si impegnano. Quando vi deciderete che avrete spremuto abbastanza? Quando inizierete ad avere un po’ di pudore?

Noi, nel frattempo, siamo qua a 20, 30, 40 e 50 anni a cercare lavoro per mantenere quei figli che ci dite di fare – perché siamo un paese troppo vecchio! – ma che con l’incertezza di un lavoro che non sappiamo se avremo ancora il mese prossimo non possiamo proprio mettere al mondo. Perché noi, a differenza vostra, non siamo persone incoscienti.

Noi che siamo obbligati a studiare da un sistema che ti annienta se non sei almeno laureato con 3 master e 5 dottorati, ma che poi ti giudica troppo vecchia per entrare nel mondo del lavoro.
E prima siamo troppo giovani e privi di esperienza, nonché titolo di studio. Ci spingiamo oltre il limite della sopportazione, carichi di speranza, investendo milioni su milioni di euro per un istruzione pubblica universitaria che è semplicemente imbarazzante a livello internazionale, e poi ci sentiamo rispondere che siamo troppo vecchi e, seppur in possesso di un titolo di studio adeguato, non abbiamo esperienza sufficiente. E finiamo a servire Big Mac, a rispondere ai Call Center, a consegnare volantini… e a sentirci chiamare bamboccioni.

Quindi cosa abbiamo qua, Signor Professore? Un'Italia completamente alla deriva, la culla della cultura ormai alla stregua di uno spauracchio carico di inutili nozioni del passato e privi di concreto formativo, un sistema sanitario ormai completamente  in mano alla Mafia (che viene mantenuta da voi politici e viceversa), un sistema trasporti che ancora si regge sulle riforme fatte da Mussolini, beni nazionali che potrebbe fruttare milioni tenuti alla stregua dei giardinetti di palazzine di periferia, disoccupazione, mortificazione, tasse che si divorano il 60% delle nostre entrate, una casta politica che da sola divora 1/5 delle entrate statali e una credibilità nazionale che è equiparata a quella dei paesi in via di sviluppo.

Noi, che l’economia mondiale abbiamo contribuito a “crearla” quando in altre zone ancora non sapevano tenere nemmeno in mano un pennino da inchiostro. Ma ci rendiamo conto? Vi rendete conto a chi e per cosa ci state chiedendo ALTRI SACRIFICI?

E lei, Illustrissimo Professore di quel fantastico mondo illusorio che è convinto di conoscere, si rende conto della gravità di ciò che ha detto? Di quanto irrispettoso sia stato? Di quale grado di biasimo si merita?

Come ho già detto ci stiamo sforzando di tenere il capo chino e di accettare le medicine amare che, dice Lei, ci servono per sanare questo fantomatico Debito Pubblico che l’Europa – che VOI, e quelli come voi, ebbri di idealismi, avete voluto costruire in barba ai reali limiti che questo folle piano suicida e delle inevitabili ripercussioni – vuole vederci sanare al più presto; ma non prendeteci per i fondelli.

Non faccia dell’ironia spicciola, non ci prenda in giro e non getti altra benzina sul fuoco perché, se ancora non ve ne siete accorti ve lo rivelo io con tutta chiarezza, siamo vicini al limite e quanto un popolo è al limite succedono cose brutte, molto brutte. E non sarà un richiamo alla “civiltà” che calmeranno le acque, una volta che la miccia sarà accesa.

Iniziate a vivere come noi, fate i nostri sacrifici, vivete le nostre battaglie, fronteggiate i nostri nemici e poi, alla fine, forse potrete mettervi attorno ad un tavolo e rimettere in piedi l’Italia, o almeno provarci. Se non sarà troppo tardi.

Solo quando comprenderete la realtà che state manipolando con le vostre leggine da quattro soldi potrete definirvi rappresentati di un popolo, fino ad allora non sarete niente altro che parassiti.
In fede
Debora M.

0 commenti:

Posta un commento

Saghe che seguo

Atlantis by Gena Showalter Across the Universe by Beth Revis Anita Blake by Laurell K. Hamilton Beautiful Creatures by Kami Garcia & Margaret Stohl Black Dagger Brotherhood by J.R. Ward Carpathians by Christine Feehan Chronicles of Nick by Sherrilyn Kenyon Chicagoland Vampires by Chloe Neill Charley Davidson by Darynda Jones Dark-Hunter by Sherrilyn Kenyon The Dark Divine by Bree Despain The Darkest Powers Trilogy by Kelley Armstrong Dark Series by Christine Feehan Demonica by Larissa Ione Delirium by Lauren Oliver Dustlands by Moira Young The Fallen Angels by J.R. Ward Fever by Karen Marie Moning Firelight by Sophie Jordon Fairytale Retellings by Jackson Pearce Gardella Vampire Chronicles by Colleen Gleason Gemma Doyle by Libba Bray Glass by Maria V. Snyder Guild Hunter by Nalini Singh Halo by Alexandra Adornetto Heroes of Olympus by Rick Riordan Harry Potter by J.K. Rowling The Hollows by Kim Harrison House of Night by P.C. Cast & Kristin Cast The Hunger Games by Suzanne Collins Immortals After Dark by Kresley Cole The Infernal Devices by Cassandra Clare Inheritance by Christopher Paolini Jenna Fox Chronicles by Mary E. Pearson The Kingkiller Chronicle by Patrick Rothfuss Kushiel's Legacy by Jacqueline Carey Lords of the Underworld by Gena Showalter Legacy by Cayla Kluver Leviathan by Scott Westerfeld The Lord of the Rings by J.R.R. Tolkien Lords of Deliverance by Larissa Ione Lorien Legacies by Pittacus Lore Lunar Chronicles by Marissa Meyer Matched by Ally Condie Medusa Girls by Tera Lynn Childs Mercedes Thompson by Patricia Briggs Midnight Breed by Lara Adrian Midnight by Emma Holly The Morganville Vampires by Rachel Caine The Mortal Instruments by Cassandra Clare Need by Carrie Jones Numbers by Rachel Ward Night Huntress by Jeaniene Frost Nightshade by Andrea Cremer Psy-Changeling by Nalini Singh Paranormalcy by Kiersten White Parasol Protectorate by Gail Carriger Percy Jackson and the Olympians by Rick Riordan The Seven Kingdoms by Kristin Cashore Starcrossed by Josephine Angelini Strange Angels by Lili St. Crow Study by Maria V. Snyder Shatter Me by Tahereh Mafi Shifters by Rachel Vincent The Steampunk Chronicles by Kady Cross Strange Angels by Lili St. Crow Twilight by Stephenie Meyer Trylle Trilogy by Amanda Hocking Under the Never Sky by Veronica Rossi Wings by Aprilynne Pike The Wolves of Mercy Falls by Maggie Stiefvater Vampire Academy by Richelle Mead Vampire Empire by Clay Griffith and Susan Griffith Wings by Aprilynne Pike Women of the Otherworld by Kelley Armstrong


Ultimi romanzi letti

Il legame del drago
La fiamma della passione
Il Conquistatore Normanno
La Gorgone e il cavaliere
L'uomo dei miei sogni
Incantesimo tra le righe
Alice Academy,  Vol. 02
Loveless, Vol. 7
Chrome Breaker, Vol. 03
Il sogno dell'Incubo
Io non sono Mara Dyer
Skin Trade
Il principe vampiro. Legame di sangue
La signora della tentazione
Il libro di Ruth
L'angelo caduto
Skinwalker
Loveless
Chrome Breaker, Vol. 02
Taken


Debora's favorite books »

Etichette

grandi verità (16) citazioni (12) dolore (10) riflessioni (9) confused (8) confusione (8) miei lavori (7) amore (6) anime (6) consapevolezza (6) quote (6) se non son scemi (5) commenti&recensioni (4) frustrazioni (4) poesia (4) sentimenti (4) Glee (3) bocca dell'inferno (3) book (3) coraggio (3) datemi una pistola (3) decadenza (3) desolazione (3) innamorata (3) introspezione (3) io son io (3) libri (3) love (3) ma scherziamo? (3) morte (3) Glee!FAN (2) ansia (2) assurdità (2) atroce (2) attualità (2) braccata (2) che ne sarà di me (2) citazione (2) comicità (2) critiche (2) desiderio (2) discorsi notturni (2) emozioni (2) fanfiction (2) lacrime (2) legami (2) magicamente me (2) pensieri (2) pietà! (2) racconto (2) slash (2) sofferenza (2) testi canzoni (2) vita (2) 883 (1) Alice in Wonderland (1) Artie Abrams (1) Blaine Anderson (1) Chris Colfer (1) Code Geass (1) Cory Monteith (1) Elfen Lied (1) Eroi (1) Finn Hudson (1) Free! (1) Fumetti (1) Gay!LOVE (1) HP!Fan (1) Hakuouki (1) Harry Potter (1) Haruka Nanase (1) Henry Scott Holland (1) Io non sono Mara Dyer (1) Kiki (1) Klaine (1) Kurt Hummel (1) Kurt/Blaine (1) La Terra delle Storie (1) La ragazza che saltava nel tempo (1) Lelouch of the Rebellion (1) Makoto Tachibana (1) Markus Zusak (1) Max Pezzali (1) Michelle Hodkin (1) Miyazaki (1) Morte Cory Monteith (1) Naruto Uzumaki (1) Nasreen's quote (1) OMG! (1) Professor Monti (1) Rin Matsuoka (1) Sesto Senso (1) Storia di una Ladra di Libri (1) TLoS (1) The evolution of Mara Dyer (1) Tributo Cory Monteith (1) Università (1) acculturare (1) acculturato (1) aiuto (1) altre realtà (1) amici (1) amicizia (1) anima (1) anime horror (1) anime sport (1) appartenere (1) arrendersi (1) atrocità (1) baby!Naruto (1) baby!Sasuke (1) bambini (1) bei ragazzi (1) bellezza (1) bellezza è dentro (1) books (1) canzoni (1) che casino (1) children (1) colto (1) come faccio? (1) commenti (1) cookie (1) cookie law (1) depressione (1) desiderare (1) disperazione (1) dubbi (1) due pesi e due misure (1) e io l'amo (1) e ora? (1) epistolare (1) eros ramazzotti (1) errori comuni (1) esasperata (1) esperimenti (1) esperimenti di scrittura (1) estratti (1) eternità (1) fandom: naruto (1) fanfictions (1) fantasy (1) fanwriter (1) fanwriters (1) fare la corte (1) felicità (1) ferita (1) ferite (1) figaccioni (1) film d'animazione (1) forze dell'ordine (1) fregata (1) friend (1) friends (1) furia (1) futuro (1) gay (1) generosità (1) gentilezza? (1) ho detto di no! (1) i love you (1) incasinata (1) innamorarsi (1) innamoratevi (1) insegnamenti (1) insistenza (1) insonnia (1) interpretazione (1) io scrivo (1) l'amore (1) lacrime di coccodrillo (1) law (1) lettere (1) lezioni di vita (1) libro (1) lingua italiana (1) lontananza (1) lyric (1) manie compulsive (1) maturità (1) merde (1) mon dieu (1) money (1) muri (1) music (1) musica (1) napoli (1) no (1) no! (1) non s'ha da fare! (1) non siamo mai contenti (1) notte (1) notte insonne (1) nuoto (1) nuova unione (1) nuove esperienze (1) oddio (1) odio (1) omofobia (1) one-shot (1) opening (1) parenti cretini (1) parenti serpenti (1) parole in libertà (1) passato (1) paure (1) perdere (1) perdere l'amore (1) piaghe dell'umanità (1) pianto (1) politica&società (1) preghiera (1) presente (1) prima persona (1) problemi (1) protesta (1) proteste (1) quotes (1) rabbia (1) racconto originale (1) rassegnazione (1) responsabilità (1) risate (1) sangue (1) sarcasmo (1) satira (1) scomparsa (1) scritti originali (1) sentimento (1) shopping (1) sinonimi (1) sognando leggendo (1) soldi spesi (1) solitudine (1) song (1) songs (1) soundtrack (1) sparire (1) speranza (1) speranze (1) sputtanare soldi (1) stanca (1) stanchezza (1) storie d'amore (1) stufa (1) testi (1) toccami (1) touch (1) touch me (1) tradimenti (1) tradimento (1) traduzioni (1) triste realtà (1) triste verità (1) tutto (1) unione (1) valore umano (1) vera bellezza (1) veri sentimenti (1) vero amore (1) vittime (1) vivere (1) voglio (1) volere (1) yaoi (1) young adult (1)