About Me

Le mie foto
Debora M

Sono Debora, ma anche Dedè o Nasreen. Ho troppi anni e sono un incrocio maledettamente mal riuscito di sangue toscano e laziale, il che mi rende, se possibile, ancora più assurda di quanto sia possibile supporre.
Studio [dovrei] Giurisprudenza a Roma, ma in realtà sono una lettrice ossessiva compulsiva e imbrattatrice di carte.

Caporedattrice di SognandoLeggendo.net
Recensore presso Scrittevolmente e Urban Fantasy 

Ha collaborato con Quarto Potere, rivista di cinema e cultura online
Ha collaborato con Oggicronaca.it

Visualizza il mio profilo completo

giovedì 11 giugno 2015

[Original] Presagi di Dolore



Presagi di Dolore
Debora M aka Nasreen



Alzarsi la mattina e ritrovarsi a fissare lo specchio con aria smarrita. Cosa c’è che non va? Incomprensibile.
Osservare accigliata le coltri appena abbandonate, e accorgersi che no, stranamente, la voglia di tornare a raggomitolarcisi non c’è.

Cosa c’è che non va?

Prendersela con le poche ore di sonno, scrollare le spalle e decidere di farsi un caffè. Amaro, ovviamente. Tutto pur di schiacciare quel peso che ti opprime e blocca il fiato. Qualunque cosa pur di poter tornare a respirare e allontanare il panico che ti ha catturata sin dal turbolento risveglio.
Muoversi, seppur meccanicamente, sembra essere l’unico mezzo pur di rallentare l’ondata di panico che senti strisciare, catturarti le gambe e salire lentamente ma inesorabilmente verso la bocca dello stomaco. Inutile, tutto invano.


Un biscotto in bocca, il letto da rifare, gli abiti da coordinare e le scarpe da trovare, nel marasma di una stanza che appare fin troppo ordinata, se paragonata al caos della tua anima. Scivoli davanti allo specchio ignorandolo testardamente, occhi a terra e trucchi stretti in mano, forse puoi tentare di stendere la maschera per il mondo senza doverti osservare troppo attentamente. Forse puoi farcela.

Alzi gli occhi, e guardi oltre... ignori le pupille dilatate, la fronte aggrottata, le labbra morse a sangue e inizi a camuffare il tuo stato d’animo con strati e strati di trucco. Lo scopo è quello di renderti uguale a tutti gli altri, di non farti notare, ma fallisci miseramente: i tuoi occhi, ora truccati, risultano ancor più sgranati e liquidi.

Il senso di malore cresce, ancora. Ti spaventi e fissi l’orologio che segna le otto. Troppo presto.

Il desiderio di passare le mani freneticamente su quella lavagna sporca che è il tuo viso, per cancellare tutto, è forte. Una bambina capricciosa a cui non piace il proprio disegno, o forse una bambina insicura che non sa se il disegno piacerà agli altri. Non lo sai, ma l’irritazione e il desiderio di passarti le unghie addosso, fino a scavare profondi solchi rossi sulle tue guance pallide, ti spaventa. Indietreggi e ti stacchi dallo specchio. Il mondo per un giorno può anche andarsene a quel paese, ti dici fintamente convinta.

Afferri la borsa e ti cerchi le chiavi, è presto ma non t’importa: devi uscire. E non perché si è fatto tardi.

La stanza intorno a te si muove più velocemente di te, non riesci a stare al passo con la realtà e senti il respiro farsi affannoso. La tua mano è lenta mentre cerchi afferrare il cellulare che si fa sempre più lontano, e il mondo più veloce vortica spingendoti ad aggrapparti al qualcosa che trovi alla tua sinistra. Ti aggrappi, chiudi gli occhi e delle immagini sfrecciano davanti alle palpebre chiuse.

Un ricordo? Un sogno dimenticato? Cosa?

La stanza rallenta ma il tuo cuore corre e sbatte violentemente contro il petto, lo senti premere contro lo sterno. Lo stomaco si serra violentemente. Fa male ma riesci ad afferrare il cellulare e lo stringi in un pugno mentre ti appoggi a un mobile chiedendoti quando finirà.

Squilla il telefono che hai in mano. Lo fissi, ti accigli e qualcosa scatta mentre premi il tasto verde e lo porti all'orecchio.

“Pronto?”, sussurri con voce rauca.
“Pronto? Ciao, sono io... Io, beh... ho bisogno del tuo aiuto...”

Chiudi gli occhi, ti accasci a terra e gemi.
Tremi, mentre ascolti la spiegazione di quel presagio che non eri stata in grado di cogliere e purtroppo le immagini del sogno dimenticato si riaffacciano nella tua mente.

Senti il rombo del tuo cuore che sbatte contro la cassa toracica, il suono del battito che risale verso l’alto e si riversa nelle tue orecchie, rendendoti sorda a tutto il resto. Il respiro si placa, fino a diventare flebile e impercettibile, mentre stringi i denti, per soffocare un grido che sembra voler uscire ma che invece si dibatte nella tua mente, attonita.

Cerchi di assimilare le parole, d’unirle tentando di formare frasi, e concetti. Continui ad ascoltare la voce che ti parla dall'apparecchio, di un incidente, un evento… o forse una disgrazia. Parole che rendono vere o tristemente chiare le forme e figure che hanno sfrecciato dietro i tuoi occhi chiusi pochi minuti prima. Che danno un valore al presagio, che ti risucchiano l’anima.

“Mi senti? Sei ancora in linea?”

La voce è lontana, ma la senti e lentamente apri la bocca per rispondere, conscia che non avrai abbastanza fiato per far uscire le tue parole. Ti schiarisci la gola, ingoiando le lacrime e riprovi.

“Ti sento, va bene. Ho capito, ci penso io.”
“Ti senti ben…”

Clic. Attacchi. Non ti serve ascoltare altro, ti dici, mentre ti alzi a fatica da terra e i pensieri vorticano nella tua mente. Ignori lo squillo del cellulare, lo lasci a terra, incurante, e ti dirigi nuovamente verso la camera da letto: la gonna fantasia che indossi non è più adatta al luogo in cui ti stai recando.

È il nero il colore che ti veste, adesso. Grigio e nero, come il vortice di disperazione che sembra divorarti dall'interno. Nero come il presagio che ti aveva investita quella stessa mattina, di cui adesso conosci ogni singola sfumatura.

Il panico sembra pronto ad assalirti di nuovo, ma questa volta lo tieni a bada. Non permetterai alle emozioni di straripare nuovamente, non permetterai loro di bloccarti e imprigionarti. Non usciranno, ti ripeti, fissandoti allo specchio senza in realtà vederti. Afferri convinta un rossetto rosso fuoco, e copri convinta il lucidalabbra neutro che ti eri passata poco prima. T’infiammi le labbra, e lo passi nuovamente, ancora e ancora, fino a quando il rosso sembra essere l’unica cosa a spiccare sul tuo viso pallido e sconvolto. Ti fissi un'altra volta, fai un sorriso amaro, e dai un altro colpo di rosso, giusto per essere convinta che la tua nuova maschera regga.

Sei pronta, decidi improvvisamente. Vestita di nero, con gli occhi nascosti dalle labbra color cremisi e il vuoto emotivo di chi è convinto di poter affrontare tutto senza lasciarsi frantumare.
Sei pronta, ti ripeti, come un mantra, mentre afferri la borsa e ti avvii vero la porta, lanciando uno sguardo distratto al cellulare che continua a suonare come impazzito dal pavimento. Il rumore della suoneria si smorza grazie alla porta blindata che si chiude, per poi scomparire una volta salita in ascensore.

C’è stato un incidente, questa notte. Mi hanno appena chiamata, ma io non posso andare là, non riesco ad andarci. Non posso, capisci? Ti prego, vai, ti supplico. Vai tu. Io non posso, non voglio vederlo così, per l’ultima volta. Ti supplico…

Esci in strada e inizi a camminare, sai che sarà una lunga camminata prima di arrivare alla tua meta, e sai anche che i tacchi entro poco inizieranno a farti male, ma non t’importa. Rallenti il passo, respiri, e ignori la fermata dell’autobus. Andrai a piedi, ti riproponi, testarda, mentre, ignorando il resto del mondo, lasci che le parole udite poco prima ti riempiano e colmino. Parole che ti parlano di una fine, di una morte senza senso e che t’implorano.


Parole che non puoi neanche tentare di ignorare, perché inconsciamente già te le aspettavi, fin dal primo momento in cui, quella disgraziata mattina, avevi aperto gli occhi colmi delle immagini dimenticate di un sogno premonitore che aveva tentato di avvertirti.

0 commenti:

Posta un commento

Saghe che seguo

Atlantis by Gena Showalter Across the Universe by Beth Revis Anita Blake by Laurell K. Hamilton Beautiful Creatures by Kami Garcia & Margaret Stohl Black Dagger Brotherhood by J.R. Ward Carpathians by Christine Feehan Chronicles of Nick by Sherrilyn Kenyon Chicagoland Vampires by Chloe Neill Charley Davidson by Darynda Jones Dark-Hunter by Sherrilyn Kenyon The Dark Divine by Bree Despain The Darkest Powers Trilogy by Kelley Armstrong Dark Series by Christine Feehan Demonica by Larissa Ione Delirium by Lauren Oliver Dustlands by Moira Young The Fallen Angels by J.R. Ward Fever by Karen Marie Moning Firelight by Sophie Jordon Fairytale Retellings by Jackson Pearce Gardella Vampire Chronicles by Colleen Gleason Gemma Doyle by Libba Bray Glass by Maria V. Snyder Guild Hunter by Nalini Singh Halo by Alexandra Adornetto Heroes of Olympus by Rick Riordan Harry Potter by J.K. Rowling The Hollows by Kim Harrison House of Night by P.C. Cast & Kristin Cast The Hunger Games by Suzanne Collins Immortals After Dark by Kresley Cole The Infernal Devices by Cassandra Clare Inheritance by Christopher Paolini Jenna Fox Chronicles by Mary E. Pearson The Kingkiller Chronicle by Patrick Rothfuss Kushiel's Legacy by Jacqueline Carey Lords of the Underworld by Gena Showalter Legacy by Cayla Kluver Leviathan by Scott Westerfeld The Lord of the Rings by J.R.R. Tolkien Lords of Deliverance by Larissa Ione Lorien Legacies by Pittacus Lore Lunar Chronicles by Marissa Meyer Matched by Ally Condie Medusa Girls by Tera Lynn Childs Mercedes Thompson by Patricia Briggs Midnight Breed by Lara Adrian Midnight by Emma Holly The Morganville Vampires by Rachel Caine The Mortal Instruments by Cassandra Clare Need by Carrie Jones Numbers by Rachel Ward Night Huntress by Jeaniene Frost Nightshade by Andrea Cremer Psy-Changeling by Nalini Singh Paranormalcy by Kiersten White Parasol Protectorate by Gail Carriger Percy Jackson and the Olympians by Rick Riordan The Seven Kingdoms by Kristin Cashore Starcrossed by Josephine Angelini Strange Angels by Lili St. Crow Study by Maria V. Snyder Shatter Me by Tahereh Mafi Shifters by Rachel Vincent The Steampunk Chronicles by Kady Cross Strange Angels by Lili St. Crow Twilight by Stephenie Meyer Trylle Trilogy by Amanda Hocking Under the Never Sky by Veronica Rossi Wings by Aprilynne Pike The Wolves of Mercy Falls by Maggie Stiefvater Vampire Academy by Richelle Mead Vampire Empire by Clay Griffith and Susan Griffith Wings by Aprilynne Pike Women of the Otherworld by Kelley Armstrong


Ultimi romanzi letti

Il legame del drago
La fiamma della passione
Il Conquistatore Normanno
La Gorgone e il cavaliere
L'uomo dei miei sogni
Incantesimo tra le righe
Alice Academy,  Vol. 02
Loveless, Vol. 7
Chrome Breaker, Vol. 03
Il sogno dell'Incubo
Io non sono Mara Dyer
Skin Trade
Il principe vampiro. Legame di sangue
La signora della tentazione
Il libro di Ruth
L'angelo caduto
Skinwalker
Loveless
Chrome Breaker, Vol. 02
Taken


Debora's favorite books »

Etichette

grandi verità (16) citazioni (12) dolore (10) riflessioni (9) confused (8) confusione (8) miei lavori (7) amore (6) anime (6) consapevolezza (6) quote (6) se non son scemi (5) commenti&recensioni (4) frustrazioni (4) poesia (4) sentimenti (4) Glee (3) bocca dell'inferno (3) book (3) coraggio (3) datemi una pistola (3) decadenza (3) desolazione (3) innamorata (3) introspezione (3) io son io (3) libri (3) love (3) ma scherziamo? (3) morte (3) Glee!FAN (2) ansia (2) assurdità (2) atroce (2) attualità (2) braccata (2) che ne sarà di me (2) citazione (2) comicità (2) critiche (2) desiderio (2) discorsi notturni (2) emozioni (2) fanfiction (2) lacrime (2) legami (2) magicamente me (2) pensieri (2) pietà! (2) racconto (2) slash (2) sofferenza (2) testi canzoni (2) vita (2) 883 (1) Alice in Wonderland (1) Artie Abrams (1) Blaine Anderson (1) Chris Colfer (1) Code Geass (1) Cory Monteith (1) Elfen Lied (1) Eroi (1) Finn Hudson (1) Free! (1) Fumetti (1) Gay!LOVE (1) HP!Fan (1) Hakuouki (1) Harry Potter (1) Haruka Nanase (1) Henry Scott Holland (1) Io non sono Mara Dyer (1) Kiki (1) Klaine (1) Kurt Hummel (1) Kurt/Blaine (1) La Terra delle Storie (1) La ragazza che saltava nel tempo (1) Lelouch of the Rebellion (1) Makoto Tachibana (1) Markus Zusak (1) Max Pezzali (1) Michelle Hodkin (1) Miyazaki (1) Morte Cory Monteith (1) Naruto Uzumaki (1) Nasreen's quote (1) OMG! (1) Professor Monti (1) Rin Matsuoka (1) Sesto Senso (1) Storia di una Ladra di Libri (1) TLoS (1) The evolution of Mara Dyer (1) Tributo Cory Monteith (1) Università (1) acculturare (1) acculturato (1) aiuto (1) altre realtà (1) amici (1) amicizia (1) anima (1) anime horror (1) anime sport (1) appartenere (1) arrendersi (1) atrocità (1) baby!Naruto (1) baby!Sasuke (1) bambini (1) bei ragazzi (1) bellezza (1) bellezza è dentro (1) books (1) canzoni (1) che casino (1) children (1) colto (1) come faccio? (1) commenti (1) cookie (1) cookie law (1) depressione (1) desiderare (1) disperazione (1) dubbi (1) due pesi e due misure (1) e io l'amo (1) e ora? (1) epistolare (1) eros ramazzotti (1) errori comuni (1) esasperata (1) esperimenti (1) esperimenti di scrittura (1) estratti (1) eternità (1) fandom: naruto (1) fanfictions (1) fantasy (1) fanwriter (1) fanwriters (1) fare la corte (1) felicità (1) ferita (1) ferite (1) figaccioni (1) film d'animazione (1) forze dell'ordine (1) fregata (1) friend (1) friends (1) furia (1) futuro (1) gay (1) generosità (1) gentilezza? (1) ho detto di no! (1) i love you (1) incasinata (1) innamorarsi (1) innamoratevi (1) insegnamenti (1) insistenza (1) insonnia (1) interpretazione (1) io scrivo (1) l'amore (1) lacrime di coccodrillo (1) law (1) lettere (1) lezioni di vita (1) libro (1) lingua italiana (1) lontananza (1) lyric (1) manie compulsive (1) maturità (1) merde (1) mon dieu (1) money (1) muri (1) music (1) musica (1) napoli (1) no (1) no! (1) non s'ha da fare! (1) non siamo mai contenti (1) notte (1) notte insonne (1) nuoto (1) nuova unione (1) nuove esperienze (1) oddio (1) odio (1) omofobia (1) one-shot (1) opening (1) parenti cretini (1) parenti serpenti (1) parole in libertà (1) passato (1) paure (1) perdere (1) perdere l'amore (1) piaghe dell'umanità (1) pianto (1) politica&società (1) preghiera (1) presente (1) prima persona (1) problemi (1) protesta (1) proteste (1) quotes (1) rabbia (1) racconto originale (1) rassegnazione (1) responsabilità (1) risate (1) sangue (1) sarcasmo (1) satira (1) scomparsa (1) scritti originali (1) sentimento (1) shopping (1) sinonimi (1) sognando leggendo (1) soldi spesi (1) solitudine (1) song (1) songs (1) soundtrack (1) sparire (1) speranza (1) speranze (1) sputtanare soldi (1) stanca (1) stanchezza (1) storie d'amore (1) stufa (1) testi (1) toccami (1) touch (1) touch me (1) tradimenti (1) tradimento (1) traduzioni (1) triste realtà (1) triste verità (1) tutto (1) unione (1) valore umano (1) vera bellezza (1) veri sentimenti (1) vero amore (1) vittime (1) vivere (1) voglio (1) volere (1) yaoi (1) young adult (1)